Home » Verona, batterio killer nell’acqua per neonati: trovato il ‘nido’ del Citrobacter che ha ucciso 4 bimbi
Politica

Verona, batterio killer nell’acqua per neonati: trovato il ‘nido’ del Citrobacter che ha ucciso 4 bimbi

Verona, batterio killer era nell’acqua per neonati: trovato il nido in un rubinetto

Verona, batterio killer nell’acqua per neonati: trovato il ‘nido’ del Citrobacter che ha ucciso 4 bimbi. Vi avevamo già parlato in questo articolo di tre mesi fa del terribile Citrobacter che stava contagiando e mietendo vittime tra i bambini. In due anni, sono morti quattro piccoli ricoverati nel reparto interno all’Ospedale della Donna e del Bambino di Borgo Trento, mentre altri 9 sono rimasti cerebrolesi, con un bilancio di 96 bimbi colpiti.

A fare luce sulla vicenda è una relazione consegnata in Regione dal professor Vincenzo Baldo, ordinario di Igiene e Sanità pubblica all’Università di Padova e coordinatore della commissione di verifica nominata il 17 giugno dal direttore generale della Sanità del Veneto, Domenico Mantoan. Ebbene, il famigerato batterio killer era annidato nel rubinetto del lavandino utilizzato dal personale della Terapia intensiva neonatale per prendere l’acqua da dare ai neonati insieme al latte.

Secondo quanto riferisce ‘Il Corriere della Sera’, l’organo ispettivo ha rilevato che il rubinetto del lavandino interno al reparto, sotto indagine anche della Procura di Verona, era letteralmente «colonizzato» dal batterio killer. Ma anche da altri batteri. Insomma un focolaio pericoloso. Citrobacter, in particolare, è arrivato lì dall’esterno, probabilmente a causa del mancato o parziale rispetto delle rigide misure d’igiene imposte al personale nei reparti ad alto rischio.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina ufficiale

Leggi anche:
Maltempo al Nord: 2 morti. Uomo colpito da fulmine. Venti feriti da grandine ad Ancona

San Benedetto del Tronto, cadavere di una ragazza in costume riaffiora dal mare: il dramma

Panatta: “Negazionisti scemi. Briatore? Non è colpa sua, è stato fatto un errore…”

Verona, due giovani trascinati dal fiume Adige in piena: il dramma

Cremona, primo morto per febbre del Nilo. In terapia intensiva un altro paziente

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com