Home » Entra nel recinto delle scimmie per raccogliere monete lanciate dai turisti: contrae l’herpes mortale
Cronaca World

Entra nel recinto delle scimmie per raccogliere monete lanciate dai turisti: contrae l’herpes mortale

Entra nel recinto delle scimmie per raccogliere monete lanciate dai turisti: contrae l’herpes mortale. È successo lo scorso martedì, 9 agosto, nel City Park a Launceston, in Tasmania. Qui una donna si è introdotta di notte, di nascosto, nel recinto delle scimmie per raccogliere le monetine che i turisti lanciano in un fossato adiacente esprimendo i desideri. Ma quello che doveva essere un colpo sicuro, si è trasformato in un incubo.

Questo perché la donna potrebbe aver contratto il virus dell’herpes mortale. Le autorità temono che la donna possa aver contratto un ceppo potenzialmente fatale del virus dell’herpes B che le scimmie possono spargere nell’acqua. I macachi giapponesi, noti anche come scimmie della neve, sono stati a lungo una caratteristica popolare dello zoo.

“L’intrusa ha scavalcato la recinzione per rubare denaro che i visitatori gettano in acqua per buona fortuna presso la struttura. Il virus può essere sparso in modo asintomatico dalle scimmie attraverso fluidi corporei e “fomiti”, ovvero qualsiasi materiale che è entrato in contatto con il virus, inclusa l’acqua nel recinto”, ha affermato il sindaco di Launceston Albert Van Zetten.

“Il virus non è considerato un rischio per le scimmie e mostra sintomi simili a quelli dell’herpes labiale negli esseri umani. Tuttavia, è potenzialmente fatale per l’uomo, con oltre 30 decessi noti registrati in tutto il mondo, con un solo caso confermato di trasmissione da uomo a uomo. La maggior parte dei macachi in tutto il mondo porta il virus e c’è una segnaletica nel recinto che afferma che le scimmie sono infette”.

Nel recinto delle scimmie per raccogliere monete: contrae l’herpes mortale

I sintomi più comuni del virus includono: vesciche, dolore, intorpidimento vicino al punto di infezione, sintomi simil-influenzali (febbre, dolori muscolari, mal di testa e affaticamento), distress respiratorio, encefalite e disfunzione neurologica. L’irruzione è stata ripresa dalle telecamere a circuito chiuso dello zoo e le autorità hanno lanciato un appello invitando la donna a rivolgersi immediatamente a un medico.

Secondo Van Zetten, la polizia della Tasmania e il Dipartimento della salute della Tasmania “sono stati informati dell’irruzione. Chiediamo che chiunque abbia informazioni sull’irruzione contatti immediatamente la polizia della Tasmania”, ha detto.

I 20 macachi sono arrivati a Launceston nel 1980 dalla città giapponese Ikeda, in uno scambio con 20 wallaby. Il comune aveva preso in considerazione l’idea di sopprimere le scimmie nel 2000, quando 11 di loro erano state infettate dall’herpes B, ma le proteste della comunità bloccarono quell’idea. Anche perché, secondo le autorità, il rischio per gli umani era basso e così le tanto amate scimmie sono state lasciate in vita. Lo riporta il Daily Mail.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui 

Leggi anche:
Aereo cade sull’autostrada e si schianta su un furgone: l’atterraggio shock – VIDEO

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com