Home » Problemi valvole cardiache, arriva l’impianto bionico che evita l’operazione: installato in 1 ora
Salute

Problemi valvole cardiache, arriva l’impianto bionico che evita l’operazione: installato in 1 ora

Problemi valvole cardiache, arriva l’impianto bionico che evita l’operazione: installato in 1 ora. I pazienti con problemi alle valvole cardiache, potrebbero evitare un intervento chirurgico importante da un impianto di valvola bionica. Il minuscolo dispositivo, che può essere inserito in meno di un’ora utilizzando un anestetico locale, è progettato per trattare il rigurgito aortico, una condizione che affama il corpo di sangue ossigenato e lascia i pazienti affaticati e senza fiato.

Il problema si verifica quando la valvola che si trova all’uscita del cuore, la valvola aortica, si danneggia e non si chiude completamente. Ciò consente al sangue di fuoriuscire all’indietro nel cuore e influisce sulla sua capacità di pompare in modo efficiente. È più comunemente visto nei pazienti più anziani e in quelli con pressione alta. Il danno può anche essere causato da infezioni.

Fino al cinque per cento della popolazione soffre di rigurgito aortico, con circa uno su 20 colpito da sintomi gravi. In questi casi, l’unica opzione è la chirurgia a cuore aperto, che prevede l’apertura del torace del paziente, l’inserimento del cuore su un bypass e la sostituzione della valvola.

Tuttavia, come riporta il Daily Mail, molti malati sono lasciati troppo fragili per resistere a questo importante intervento chirurgico. Inoltre, fino ad ora non c’è stato un impianto valvolare progettato specificamente per il rigurgito aortico: i chirurghi hanno utilizzato impianti progettati per trattare altre forme di malattia della valvola, che hanno la tendenza a staccarsi.

Problemi valvole cardiache, arriva l’impianto bionico che evita l’operazione

Il nuovo impianto bionico JenaValve Trilogy, che ha una struttura in metallo e una valvola di maiale, può essere inserito durante una procedura minimamente invasiva che richiede meno di un’ora. “Non c’è mai stato niente di simile prima”, ha detto il cardiologo professor Andreas Baumbach, che ha guidato il team che ha aperto la strada al dispositivo al St Bartholomew’s Hospital di Londra.

‘La JenaValve Trilogy farà un’enorme differenza. Le prime centinaia di pazienti sono stati curati ora e c’è stato un tasso di successo di quasi il 100 per cento.’ Durante l’operazione di impianto della JenaValve Trilogy, viene praticata una piccola incisione nell’arteria femorale all’inguine: viene utilizzato un anestetico per intorpidire l’area, ma i pazienti sono completamente svegli.

Un sottile tubo flessibile chiamato catetere viene quindi inserito nell’arteria e fatto passare attraverso il corpo e nel cuore, con i chirurghi che utilizzano una macchina a raggi X per vedere in tempo reale cosa stanno facendo. La JenaValve, che è costituita da un telaio metallico a forma di tubo pieghevole, viene posizionata tramite il catetere. Inizialmente viene piegato, ma una volta che il chirurgo conferma che è nel posto giusto, viene aperto.

Completamente espansa, la valvola ha un diametro di circa un pollice, ma le dimensioni possono essere regolate in loco per assicurarsi che si adatti perfettamente. Tre piccole gambe – “un po’ come le gambe del modulo di atterraggio lunare”, ha detto il prof Baumbach – lo bloccano in posizione sopra la valvola aortica naturale e inizia a funzionare immediatamente.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Aritmie cardiache, nuova terapia le disattiva in tempo reale: la scoperta

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com