Home » Si sporge dal treno per un selfie nella grotta di Krasae: 45enne cade e muore in vacanza
Cronaca World

Si sporge dal treno per un selfie nella grotta di Krasae: 45enne cade e muore in vacanza

Si sporge dal treno per un selfie nella grotta di Krasae: 45enne cade e muore in vacanza. Un turista neozelandese è morto tragicamente dopo essere caduto mentre scattava foto da un treno che viaggiava sulla famigerata “ferrovia della morte” in Thailandia. I passeggeri hanno tentato di salvare Patrick Ward, questo il nome della vittima, dopo essere caduto a circa 10 metri dal treno poco prima delle 12:00 di lunedì 27 dicembre.

La polizia locale ha confermato che il signor Ward è morto poco dopo essere precipitato dal treno vicino alla grotta di Krasae nel distretto di Sai Yok nella provincia di Kanchanaburi, nella Thailandia occidentale. Originariamente chiamata la ferrovia Thailandia-Birmania, si guadagnò il soprannome di “ferrovia della morte” perché più di 100.000 lavoratori morirono durante la sua costruzione tra il 1942 e il 1943 durante la seconda guerra mondiale.

Testimoni hanno detto che la vittima si stava sporgendo dalla porta del treno passeggeri di 75 anni per scattare foto del panorama quando è scivolato sui gradini ed è caduto. I paramedici hanno cercato disperatamente di rianimarlo per circa mezz’ora, ma non c’è stato nulla da fare. Secondo quanto riferito, i soccorritori hanno dovuto creare un sistema di pulegge improvvisato per abbassarsi e recuperare il corpo poiché non c’era una scala che potessero usare per scendere nell’area.

Si sporge dal treno per un selfie nella grotta di Krasae: 45enne morto

Un turista nelle vicinanze ha catturato l’incidente mortale in un video (che preferiamo non mostrarvi) che mostra la vittima mentre cade sulla schiena e fuori dal treno. Il 45enne aveva viaggiato da solo sulla famosa linea ferroviaria, che ha ispirato l’iconico film del 1957 Il ponte sul fiume Kwai. Secondo quanto riferito, era stato in bagno prima di aprire una porta per ammirare il panorama e fotografarsi mentre passava lungo le scogliere sopra la pittoresca grotta di Krasae.

La grotta è considerata il punto più bello e più pericoloso della “ferrovia della morte”. Si stima che tra i 180.000 e i 250.000 civili del sud-est asiatico e più di 60.000 prigionieri di guerra siano stati sottoposti a lavori forzati durante la costruzione della linea ferroviaria, progettata per fornire truppe e armi per la campagna del Giappone in Birmania durante la seconda guerra mondiale. Più di 100.000 di loro morirono.

A riportare la notizia è il Daily Mail, secondo cui la polizia di Sai Yok ha detto che contatterà l’ambasciata della Nuova Zelanda a Bangkok per prendere in custodia il corpo per il funerale.

Seguici anche su Facebook. Clicca qui

Leggi anche:
Lavrov: ”Usa vogliono uccidere Putin”

Loading...
ForzAzzurri.net

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com